Guida Completa Come Usare Anki 2019 – Strategie per Studiare Lingue

Se stavi cercando una guida completa su come usare Anki allora sei nel posto giusto.

Per quanto mi riguarda, considero Anki app un programma indispensabile per studiare lingue.

Ed è proprio allo studio delle lingue che questa guida fa riferimento, con strategie e consigli utili che ti renderanno certamente più efficace.

Se stai studiando qualsiasi lingua, e non usi ancora un programma di Flashcard come questo, allora dovresti usarlo.

E tra i programmi di Flashcard e di memorizzazione che ci sono attualmente in commercio, Anki app è per quanto mi riguarda il migliore.

E credo che valga lo stesso anche per i milioni di utilizzatori di tutto il mondo che usano questo software giornalmente, come me, domeniche comprese!

Questo tutorial Anki è certamente lungo, poiché voglio darti una serie di consigli ed istruzioni dettagliate per comprendere al meglio di cosa stiamo parlando e come potresti sfruttare questa applicazione a tuo vantaggio.

Allo stesso modo, cercherò di non essere troppo tecnico in modo che anche se non hai esperienza in questo argomento, lo potrai comprendere facilmente.

Il successivo sommario ti aiuterà a meglio navigare tra questa guida su come usare Anki.

Sommario

  1. Guida Completa Come Usare Anki
    1. Che cos’è Anki
      1. Active Recall Testing (Richiamo Attivo)
      2. Spaced Repetition SRS (Ripetizione Dilazionata)
    2. Come Funziona Anki (in Breve)
    3. Quanto Costa Anki e Dove Puoi Usarlo
    4. Perché Dovresti Usare Anki per Studiare Lingue
      1. Ricorda Meglio i tuoi Vocaboli
      2. Aumenta il Numero di Vocaboli
      3. Impara Espressioni Idiomatiche e Modismi
      4. Ricordati le Regole Grammaticali
      5. Migliorare la tua Ortografia
      6. Rafforza la tua Mente
      7. Rendi il tuo Tempo più Efficace
      8. Sei tu che Controlli Anki
  2. Come Usare Anki Tutorial Italiano
    1. Creare il tuo Primo Mazzo (Desk)
    2. Aggiungere una Carta al Mazzo
    3. Come Scaricare Mazzi già Pronti
    4. Come Studiare le tue Carte su Anki
      1. Anteprima di Studio dello Schermo Principale
      2. Anteprima Schermo del Mazzo
      3. Come Imparare Nuove Carte su Anki
      4. Come Memorizzare le Carte In Apprendimento
    5. Usare le Statistiche di Anki
    6. Alcuni Strumenti Utili ed Impostazioni Anki
      1. Come Sincronizzare i tuoi Mazzi
      2. Inserire Immagini che Pesano Poco
      3. Come Cancellare una Carta
      4. Come Cercare un Vocabolo
      5. Come Modificare un Vocabolo o Carta
      6. Come Vedere le Carte di Oggi
      7. Come Spostare una Carta di Mazzo
      8. Come Usare le Etichette Tag per le Lingue
      9. Eliminare Rinominare Etichetta o Tag
      10. Cosa Sono gli Anki Add-on
      11. Supporto Clienti Anki
  3. Come Rendere Anki più Efficace
    1. Usa Anki Quotidianamente
    2. Separa i Mazzi per ogni Lingua
    3. Come Limitare il Numero di Nuove Carte Giornaliere
      1. Come Creare un Gruppo di Opzioni
    4. Come Limitare il Numero di Ripetizioni Giornaliere
    5. Come Andare Oltre i Limiti Giornalieri
    6. Cambiare il Modificatore Intervallo per Memorizzare
    7. Usa Colori Diversi
    8. Fai Aggiustamenti Continui alle Carte
    9. Crea Filastrocche per Memorizzare Meglio le Sequenze
      1. Esempio di Aggancio Mentale
      2. Esempio di Anagramma
      3. Esempio con Filastrocca
  4. Guida Come Usare Anki (Conclusioni)
guida completa come usare Anki

Guida Completa Come Usare Anki

Nella parte successiva avrai a disposizione una parte teorica ed una parte che possiamo definire di tutorial italiano dell’applicazione Anki.

Questo programma è davvero grande e complesso, e nel sito web di riferimento ci sono tutte le spiegazioni in inglese di cui potresti aver bisogno, un supporto tecnico ed una enorme community di sostegno.

Io cercherò di spiegarti una buona parte dell’applicazione in modo che potrai averne un’idea completa ed usarla al meglio.

Per tutto il resto, la community online ti sarà senz’altro di aiuto nell’affinare ancora maggiormente il suo uso per le tue più peculiari esigenze.

Che cos’è Anki

Anki è un programma di Flashcard che ti aiuta a sviluppare la memoria ed a ricordare meglio vocaboli, concetti, od altro, che possono esserti utili per studiare le lingue.

Brevemente, da un lato vedi una carta con una domanda, e dall’altro lato c’è la risposta alla domanda che ti devi ricordare.

Chiaramente, puoi usare Anki per vari argomenti che ti vuoi ricordare, ma in questa guida parleremo soprattutto di lingue.

Hai presente vero quando vuoi imparare questo maledetto inglese, e poi non ti ricordi più niente?

Ecco, Anki ti aiuta proprio in questo, ma ti farà diventare decisamente più efficace di quello che pensi, e diventerà un compagno indispensabile ai tuoi studi.

Inoltre, Anki app ha una lunga storia che risale fino ai primi anni 80′ con la creazione di SuperMemo, di cui leggerai più avanti.

Ma senza entrare troppo nei dettagli, questa applicazione si basa su due concetti scientifici semplici:

  • Active Recall Testing (Test di Richiamo Attivo)
  • Spaced Repetition – SRS – (Ripetizione Dilazionata)

Active Recall Testing (Richiamo Attivo)

Active Recall Testing vuol semplicemente dire il cercare di ricordarsi una risposta quando ti viene fatta una domanda.

La pausa, e lo sforzo nel ricordarsi la risposta, aiuta il cervello a sviluppare maggiormente la memoria rispetto allo studio passivo.

Inoltre, quando non sappiamo la risposta, il sistema ci dice che dobbiamo riguardarla ed impararla nuovamente per ricordarcela di più in futuro.

Le Flashcard, in carta o digitali, sono un ottimo esempio per sfruttare a pieno questo metodo scientifico.

Spaced Repetition SRS (Ripetizione Dilazionata)

SRS (Spaced Repetition System), in italiano ripetizione dilazionata, o ripetizione spaziata, è un sistema che serve per memorizzare le informazioni a lungo termine.

Il fatto è che il nostro cervello dimentica in fretta tutte le informazioni che non gli servono, già dopo neanche 1 ora da quando ha letto o visto qualsiasi cosa.

Ricordando al nostro cervello alcune informazioni dopo alcuni giorni, settimane, mesi od anni, la nostra mente le fisserà per sempre e le immagazzinerà nella sua memoria a lungo termine.

In poche parole, ti ricorderai i tuoi vocaboli di inglese, od altre lingue, con molta più facilità rispetto a non usare assolutamente niente.

La teoria risale ad anni ancora prima del 1900, per poi diventare più concreta con il primo metodo di Flashcard del tedesco Sebastian Leitner nel 1972, e perfezionata con il primo programma commerciale di SuperMemo.

La logica è semplice, ripeti, e ripeti, ciò che ti interessa, per sviluppare una memoria di ferro nel quasi il 100% di argomenti che studi.

Ma come faccio a sapere quando e quanto devo ripetere?

Come Funziona Anki (in Breve)

Prima di entrare nel dettaglio tecnico di questa guida completa su come usare Anki, ti voglio semplicemente dire che Anki sfrutta ciò di cui abbiamo appena parlato poco sopra.

Da un lato, ti permette di creare delle carte digitali con domanda e risposta per sviluppare il richiamo attivo.

Dall’altro, ha un sistema automatico basato su SuperMemo dove ad ogni risposta tu dai dei punteggi, e lui calcola automaticamente se devi ripetere la domanda, dopo quanto tempo, e dopo quanti giorni, mesi od anni.

Il dettaglio lo vediamo più avanti, ciò che ti interessa sapere è che se anche non cambi nessuna impostazione e ti basi solo sul minimo che ti offre Anki, non dovrai più pensare a quanto e quando ripassare i tuoi vocaboli, o le frasi che inserisci, fa tutto lui.

Non è comodo? Secondo me si, perché dopo aver studiato per bene il suo funzionamento già molti anni fa, posso dire che il programma è decisamente fatto molto bene, così come i suoi tempi di ripezione.

A te non basta che imparare le parti fondamentali per rendere più efficace il tuo studio, e se hai voglia e tempo, puoi personalizzare questo programma in modo molto dettagliato.

Quanto Costa Anki e Dove Puoi Usarlo

Puoi usare Anki nel tuo computer Windows, Mac, iPhone, iPad, Android ed anche Linux.

In poche parole, puoi usare Anki praticamente dappertutto, e questo è assolutamente ottimo.

Per avere tutte le applicazioni giuste, puoi andare nel sito ufficiale Anki download gratis che trovi cliccando a questo link.

In basso, puoi scegliere il dispositivo su cui vuoi usare l’applicazione e cliccare il link giusto.

Ti consiglio di partire sempre da qui per avere il programma ufficiale perché a volte ci sono delle copie che non sono regolari od ufficiali, con nomi a volte simili.

Nella maggior parte dei casi, avrai Anki gratuito, senza dover pagare niente, per lo meno è ancora così nel momento in cui scrivo questa guida.

Anki app per iPhone iPad Mac costa invece un prezzo al momento di 27€ circa, ma parliamo dell’applicazione specifica, non dell’uso da navigatore web.

Questo vuol dire che se usi Anki con Safari, oppure Firefox o Chrome, anche su Mac, il programma è gratuito e ti permetterà di iniziare ed andare avanti quanto vorrai.

Personalmente ho acquistato l’app per iOS già molto tempo fa, poiché è più comodo, mi permette di sincronizzarla tra tutti i dispositivi senza problemi, funziona bene, e serve anche per sostenere gli ottimi sviluppatori che ci sono alle spalle.

Se un domani verrà creato un abbonamento annuale anche minimo, la spesa ne varrà comunque assolutamente la pena, ma finora il progetto è riuscito a stare in piedi da solo.

Perché Dovresti Usare Anki per Studiare Lingue

In questa sezione voglio semplicemente rafforzare l’idea dell’uso di questa applicazione se stai studiando qualsiasi lingua.

Questo perché lo considero un metodo indispensabile per rafforzarti nello studio delle tue lingue, rendendoti più efficace nel lungo periodo.

E conoscendo 5 lingue, forse ho imparato parecchio dagli errori fatti in passato.

Prima inizi ad usare Anki, meglio diventerai negli anni futuri.

Ricorda Meglio i tuoi Vocaboli

Fare vocabolario è indispensabile per la comprensione di una lingua e ricordarselo è essenziale.

Un programma di Flashcard ti aiuta a migliorare il tuo vocabolario passivo, ossia per la comprensione nella lettura e per la comprensione audio e video.

Quando parli con gli altri nella lingua che studi, trasformi poi il vocabolario passivo in attivo, ma questo è un altro argomento.

Con questo programma, ogni volta che studi, inserisci i nuovi vocaboli dentro di lui, così da ricordarli per sempre.

Ti spiegherò poi meglio più avanti come Rendere Anki più Efficace anche in questo.

Aumenta il Numero di Vocaboli

Più ampio è il numero di vocaboli che conosci di una lingua, maggiore sarà la tua comprensione e dimestichezza con essa.

Abbiamo già detto che Anki ti aiuta a ricordare più vocaboli, ma questo ti darà anche più fiducia ad aumentarne il numero.

Visto che la tua mente si ricorderà di più, potrai aggiungere di più senza troppa fatica, ed il tuo numero medio aumenterà.

E’ impossibile conoscere tutti i vocaboli di una lingua straniera, poiché stiamo parlando di una media di 80.000 parole, senza considerare l’inglese, che essendo ormai globale, ne ha un’infinità.

Ma il bello è che questo non serve, perché con poche migliaia di parole, coprirai il 90% dei vocaboli più usati, poiché alla fine, usiamo sempre le stesse parole. Comodo vero?

Mano a mano che studi, inserisci nuovi vocaboli, e sarai sempre più efficace nel tuo studio.

Prima inizi, prima raggiungerai un ottimo obiettivo.

Impara Espressioni Idiomatiche e Modismi

Oltre ai vocaboli, puoi usare Anki per imparare tutte quelle espressioni idiomatiche che sono spesso usate nel linguaggio parlato e che non sempre hanno traduzioni letterali.

Il funzionamento è lo stesso, e più avanti te lo spiegherò, ma è davvero comodo sapere che sarà più facile ricordarti queste espressioni perché le ripeterai nel tempo.

Ma non è il caso di esagerare qui, semplicemente ricordati solo ciò che serve e che normalmente è più utilizzato nella lingua che studi.

Ricordati le Regole Grammaticali

Questo è anche un ottimo vantaggio, il fatto di usarlo per studiare la grammatica.

Hai presente quelle regole di cui non ti ricordi mai?

Appunto, tanto vale utilizzare Anki per inserire le regole che ti interessano di più e ricordartele nel tempo.

Fidati! Funziona! Uso questo sistema per tutte le lingue che studio, e sebbene è impossibile ricordarsi tutte le regole, c’è una bella differenza nel ricordarsi quasi la maggior parte dei problemi più importanti e non ricordarsi mai le stesse cose.

Il trucco qui è di essere semplici, di rendere le regole il più semplici possibili e spezzarle in tante piccole domane e risposte.

E come sempre, non esagerare!

Migliorare la tua Ortografia

Esatto, allo stesso modo che inserisci i vocaboli, o le regole, e le espressioni, puoi anche usare Anki per migliorare la tua ortografia.

Io lo uso soprattutto per il francese, dove l’ortografia, per me, e per altri milioni di persone che lo studiano, è proprio difficile.

Però puoi usare qualche strategia per evidenziare di più una lettera, usare i colori come vedremo più avanti, od altri trucchi per ricordarti come scrivere una parola nel modo corretto.

Soprattutto quella parola che sbagli sempre e che ti da proprio sui nervi!

Rafforza la tua Mente

Come abbiamo visto nella spiegazione iniziale, Anki usa sia il richiamo attivo, che la ripetizione dilazionata.

Questo sistema così creato rafforza la tua mente, aiutando il tuo cervello a diventare sempre più abile nel memorizzare.

Non è il caso di esagerare, puoi fare le cose un po’ alla volta e senza stress, ma la tua mente diventerà più brava a memorizzare e ricordare le lingue.

In un modo o nell’altro, diretto od indiretto, ti stai rafforzando.

Rendi il tuo Tempo più Efficace

Usando Anki potrai diventare più strategico nei tuoi studi.

Ciò che voglio dirti qui è di non perdere tempo, ed usare lo spazio che hai a disposizione in modo più efficace.

E’ inutile leggere un libro, cercare le parole sul dizionario per capire meglio, e poi non fare nient’altro.

La maggior parte di quelle parole che cerchi le dimenticherai, la maggior parte di ciò che ascolti o guardi verrà dimenticato.

Piuttosto, leggi una pagina in meno, ma inserisci i nuovi vocaboli che ti interessano di più nel tuo programma di Flashcard.

Avrai così reso più efficace il tuo futuro, e rafforzato di molto la tua lingua.

Sei tu che Controlli Anki

Ci sono molti programmi di Flashcard nel mercato, nuove app sempre più simpatiche ed attraenti, e che potrebbero stuzzicare il tuo interesse.

Anki, per quanto mi riguarda, è ottimo perché non decide nessuno cosa devo studiare, ma sono io che mi costruisco il mio mazzo, o desk, o gruppo di parole e frasi.

Nella maggior parte dei casi è anche gratuito e non devo pagare nessun servizio per chissa quanti anni.

Ci sono anche dei gruppi di parole creati da altre persone che potrai usare e che vedremo più avanti, ma il vantaggio vero, e la massima efficacia nello studio di una lingua, è che sei tu che ti crei le tue carte.

La tua indipendenza avrà il massimo effetto nella tua mente e nel come ti ricorderai le risposte nel futuro.

Come Usare Anki Tutorial Italiano

Nella sezione seguente potrai leggere una serie di passaggi su come usare Anki al meglio.

Come già indicato in precedenza, Anki è un’applicazione molto complessa che ti permette di personalizzare ciò che vuoi nel dettaglio.

Però, non è necessario conoscere come funziona Anki in tutti i suoi particolari, infatti, puoi anche conoscere il minimo di questo programma ed andare avanti per anni felicemente senza dover sapere altro.

I capitoli successivi dovrebbero essere sufficienti per farti conoscere la maggior parte di ciò che ti serve per personalizzare i tuoi mazzi al meglio.

Creare il tuo Primo Mazzo (Desk)

Nel paragrafo precedente su quanto costa Anki e dove puoi trovarlo, hai il sito ufficiale Anki per scaricare l’applicazione.

Scarica ed installa il programma nel computer o dispositivo che vuoi.

Ora, lanciato il programma, avrai una semplice finestra dove c’è il mazzo iniziale con nome DEFAULT.

Puoi usare questo mazzo per fare qualche test, oppure crearne uno nuovo.

Il mazzo Default viene nascosto se non utilizzato, oppure si può rinominare.

Un mazzo, o desk nella versione inglese, è un gruppo di carte che vuoi studiare ed inserire.

Ad esempio, puoi creare un mazzo per la lingua inglese, dove inserisci tutte le tue carte con i vocaboli inglesi.

Per farlo, clicca crea mazzo, ed inserisci il nome del tuo mazzo, fine!

come creare un mazzo con anki

Se crei più mazzi, li puoi mettere uno dentro l’altro ad albero, per farlo basta che clicchi sul nome di un mazzo e lo trascini sopra o sotto il mazzo che vuoi che faccia da contenitore.

Ad esempio, puoi avere un mazzo con il nome lingue, e dei mazzi interni con il nome inglese, francese, etc.

E poi puoi avere un altro mazzo con il nome materie tecniche, e dei mazzi interni con il nome tecnologia, fisica, chimica, etc.

Personalmente uso un mazzo separato per ogni lingua, e non li raggruppo, ed uso poi dei tag per organizzare meglio ogni carta inserita, come vedremo meglio più avanti.

Aggiungere una Carta al Mazzo

Ogni mazzo è un gruppo di carte, ed è ora arrivato il momento di aggiungere le tue carte: ad esempio i tuoi vocaboli di inglese che vuoi imparare.

Clicca sopra il mazzo che hai creato, e poi su aggiungi.

aggiungi nuova carta su Anki

La finestra successiva ti permette di aggiungere la tua domanda e la tua risposta.

come usare anki aggiungi carta

La parte frontale Front è quella che vedi per prima, e poi la parte posteriore Back è la tua risposta che vedrai solo dopo aver deciso l’azione da svolgere che leggerai più avanti.

Ad esempio: Front (inserisci CAT) – Back (inserisci GATTO)

Etichette, è lo spazio dedicato ai tag, ad esempio: sostantivo.

Tipo Basic, è la tipologia standard dove viene creata 1 sola carta con una parte frontale ed una posteriore, se ad esempio clicchi su questo pulsante e scegli Basic (and reversed card) ne verranno create due, una al contrario dell’altra.

Altri pulsanti in cima nel menù ti permettono di formattare il testo in:

  • grassetto (B)
  • italico (I)
  • sottolineato (U)
  • cambiare colore
  • aggiungere audio
  • etc.

Una volta che hai finito di inserire il tuo testo, audio od immagine, clicca aggiungi, ed hai finito, hai appena creato la tua prima carta.

Come Scaricare Mazzi già Pronti

Anki ti offre la possibilità di scaricare nel tuo programma, dei mazzi già pronti e creati in modo indipendente da altri utenti che condividono gratuitamente i loro sforzi.

Io ti sconsiglio di farlo se hai più tempo a disposizione, perché creandoti il tuo mazzo di una lingua, carta per carta, ti aiuterà a creare esattamente ciò di cui ai bisogno per rafforzare al massimo la tua memoria e la tua resa.

Però questa è una possibilità che puoi usare, che puoi provare, e da cui puoi anche prendere spunto per crearti i tuoi propri mazzi.

E se invece hai meno tempo per scrivere le tue carte, questa è un’ottima opzione che puoi sfruttare.

come ottenere mazzi condivisi anki

Clicca: ottieni mazzi condivisi.

Il programma apre il navigatore web e ti manda nella pagina di tutti i mazzi condivisi che puoi trovare qui.

Scegli l’argomenti, clicca sul titolo, e potrai vedere nel dettaglio il mazzo condiviso spiegato, con quante parole ci sono, e più o meno come è stato creato.

Vai un po’ più in basso fino a trovare il pulsante download, che scaricherà il mazzo gratuito nel tuo computer.

Ora fai doppio click nel mazzo scaricato nel tuo computer, oppure scegli importa file dal menù dell’applicazione, ed il tuo nuovo mazzo già pronto verrà caricato nell’app.

Fine, ora lo puoi studiare, guardare, modificare, ed anche sincronizzare.

Fai attenzione che alcuni mazzi posso pesare parecchio ed essere un po’ lenti per essere caricati e sincronizzati nella piattaforma.

Come Studiare le tue Carte su Anki

Ora hai scaricato un mazzo o desk condiviso, oppure hai già aggiunto delle carte al mazzo che hai creato ed è ora di studiare e ripassare le varie carte.

Cosa devi fare? Come funziona questo meccanismo?

Anteprima di Studio dello Schermo Principale

Nello schermo principale hai la lista di tutti i mazzi che hai creato, così come quelli che hai inserito ad albero uno dentro l’altro.

Ci sono due colonne:

  • colonna Scadenza
  • colonna Nuove

Colonna Scadenza: rappresenta il numero di carte che devi ripassare oggi.

Colonna Nuove: rappresenta il numero di carte che ancora non hai visto e che devi imparare oggi.

Clicca su un mazzo per entrare nel mazzo che vuoi studiare ed avere il dettaglio preciso di ciò che vorrai fare.

Puoi rinominare il mazzo cliccando nella rotella a destra del suo nome e cliccando rinomina.

In qualsiasi momento puoi ritornare alla schermata principale cliccando la voce Mazzi nel menù della barra principale in alto.

Anteprima Schermo del Mazzo

Ora che sei all’interno del mazzo che hai scelto da studiare, la schermata di anteprima cambia nuovamente.

schermata anteprima mazzo come usare anki

In questa schermata hai le indicazioni:

  • Nuove
  • In apprendimento
  • Da ripetere

Nuove: le carte che non hai ancora mai visto neanche una volta.

In apprendimento: le carte che hai visto almeno una volta di recente e che devono ancora essere imparate.

Da ripetere: le carte che hai già visto ed imparato almeno una volta e che ora devi ripetere per memorizzarle a lungo termine.

Clicca studia adesso per iniziare a studiare le tue carte, quelle che hai scaricato da mazzi condivisi oppure quelle che hai inserito tu.

Ti viene mostrata solo la carta della domanda, e quando premi il pulsante mostra la risposta, oppure la barra spaziatrice del tuo computer, ti viene mostrata la risposta.

Come regola generale, cerca di rispondere entro i 10 secondi, altrimenti considera la carta come dimenticata.

Ora vediamo cosa meglio dovrai fare quando le studi, e più avanti come potrai cambiare le opzioni per decidere esattamente quante carte vuoi studiare o ripassare ogni giorno.

Come Imparare Nuove Carte su Anki

Quando stai imparando una nuova carta, o quando ne impari di nuovo una dimenticata, Anki ti mostra una serie di opzioni tra cui puoi scegliere.

Queste sono le opzioni iniziali:

  • Ripeti
  • Normale
  • Facile

Ripeti: ti fa ripetere nuovamente la carta ad un tempo preimpostato di 1 minuto.

Normale: la carta fa uno step, viene promossa alla fase In Apprendimento, e viene mossa al passaggio successivo. Viene fatta rivedere dopo il tempo preimpostato di 10 minuti.

Facile: la carta viene immediatamente promossa alla fase Da Ripetere, e la vedrai dopo un tempo preimpostato di 4 giorni, e poi per tempi più lunghi.

Puoi modificare a piacere ogni tempo preimpostato ma io ti consiglio di lasciare i tempi così come sono a meno di non avere molta dimestichezza con la tua memoria ed esigenze specifiche.

Premendo la barra spaziatrice, normalmente, viene premuto il tasto Normale, così come i tasti 1, 2, 3 possono avere la stessa funzione, dipendendo dal dispositivo che usi per studiare.

Come Memorizzare le Carte In Apprendimento

Quando la carta ha fatto i primi passaggi che abbiamo appena visto, viene spostata nella fase da ripetere, e compaiono altri tasti, anche se la logica è sempre la stessa.

Queste sono le opzioni disponibili:

  • Ripeti
  • Difficile
  • Normale
  • Facile

Ripeti: le carte che non ti ricordi vengono messe negli errori (sezione lapses in inglese) e ti vengono fatte ripetere più spesso, normalmente la rivedrai il giorno dopo.

Difficile: ti mostra la carta ad un intervallo leggermente maggiore rispetto a prima e dice ad Anki di mostratela più spesso.

Normale: dice ad Anki che l’intervallo va bene, che ti ricordi la carta facilmente, e che te la può mostrare ad un prossimo intervallo che preimpostato sarà di 2.5x (250%) il valore precedente.

Facile: dice ad Anki che l’intervallo è troppo corto e che può mostrati la carta ancora più avanti nel futuro, e fartela vedere meno frequentemente.

Anche qui, premendo la barra dello spazio del tuo computer viene premuto il tasto normale, altrimenti dovrebbero essere disponibili anche i tasti 1, 2, 3, 4.

Usare le Statistiche di Anki

Anki ha un interessante sistema di statistiche interne che possono esserti utili per curiosare tra i tuoi progressi ed avere una visione sul futuro da studiare.

Quando finisci una sessione di studio, Anki ti mostrerà in basso il numero di carte che hai studiato ed il tempo complessivo che hai dedicato al programma.

Se ci metti più di 60 secondi a rispondere ad una domanda non ti rovinerai le statistiche, Anki semplicemente considera che stai facendo altro e ferma il tempo di risposta.

Cliccando il menù statistiche, puoi vedere quelle intere per tutti i mazzi che hai, o se lo clicchi dentro il mazzo, puoi vedere quelle relative al mazzo appena scelto.

E puoi scegliere se vedere quelle dell’ultimo mese, anno, o vita intera dei tuoi studi con l’applicazione.

Qui ti lascio leggere i vari campi e grafici dentro l’app perché tu possa meglio comprendere quante informazioni hai a disposizione.

Personalmente le trovo utili per avere un’idea di quante carte mi aspetta studiare nel futuro, quante carte ho creato per una determinata lingua, se i miei tempi di memorizzazione hanno una buona percentuale, ed altri dettagli.

E’ ottimo poter avere tutte queste informazioni sempre a disposizione.

Alcuni Strumenti Utili ed Impostazioni Anki

Nonostante questa guida completa su come usare Anki sia abbastanza dettagliata, posso garantirti che ci sono veramente tantissime opzioni di personalizzazione.

Io stesso non conosco e non sono interessato a modificare tutti i dettagli, ma qui di seguito ti voglio indicare altre impostazioni o strumenti, che a volte possono sembrare banali, che però ti saranno probabilmente utili.

Come Sincronizzare i tuoi Mazzi

Anki ti permette di sincronizzare gratuitamente i tuoi mazzi tra diversi dispositivi.

Per fare questo devi creare un profilo gratuito su AnkiWeb.

Clicca il campo Sincronizza nel menù e segui le istruzioni per fare la registrazione, normalmente solo email e password.

Quando sincronizzi la prima volta, Anki ti chiederà se vuoi scaricare o caricare il mazzo.

Se hai già creato un mazzo nel tuo computer, allora lo devi caricare nel server di Ankiweb, da questo momento in poi puoi sincronizzare ogni volta i tuoi mazzi nei vari dispositivi.

Ora ricordati che devi sincronizzare tutti i tuoi cambiamenti ogni volta che finisci di usare Anki in un dispositivo, e passi ad un altro dispositivo, altrimenti si creano delle incomprensioni su quale sia il mazzo più aggiornato.

Per essere sicuri, vai nelle preferenze generali della tua applicazione, scegli rete, e spunta entrambe queste opzioni:

  • sincronizza anche l’audio e le immagini
  • sincronizza automaticamente all’apertura/chiusura del profilo

Inserire Immagini che Pesano Poco

Anki ti permette di inserire immagini per ricordarti meglio i vocaboli e stimolare la tua visualizzazione.

E’ una tecnica che uso ogni tanto, soprattutto in casi particolari.

Per inserire un’immagine, semplicemente trascina con il mouse l’immagine dal desktop del tuo computer al campo risposta dopo aver aperto una nuova carta.

Puoi anche trascinare l’immagine dal tuo navigatore Web direttamente su Anki.

Prima di farlo però, ti consiglio di ridurre il peso in Kb dell’immagine stessa il più possibile.

Questo serve per creare un peso ridotto del database di tutti i tuoi vocaboli, e velocizzare i tempi di sincronizzazione tra dispositivi.

I seguenti passaggi sono più comprensibili a chi conosce gli aspetti tecnici di queste operazioni, e non sono indispensabili per usare Anki:

  • ritaglia al minimo
  • ridimensiona
  • usa il JPG
  • riduci il peso
  • elimina i metadati

Ritaglia l’immagine prima e togli tutto ciò che non è utile ad aiutarti alla memorizzazione.

Ridimensiona l’immagine ad un quadratino più piccolo, normalmente non vado oltre i 250px di lunghezza.

Usa, se possibile, sempre il formato JPG che è più leggero. Se non sai cos’è e come fare non importa, Anki trasforma automaticamente le immagini in questo formato.

Se sai come fare riduci il peso delle immagini con programmi appositi ed elimina tutti i metadati.

Come Cancellare una Carta

Per eliminare una carta (o nota), puoi farlo da:

  • dalla carta stessa
  • dal menù sfoglia

Entra nella carta stessa che stai studiando, clicca in basso a destra il pulsante altro, scegli l’opzione Elimina la Nota.

Entra nella sezione Sfoglia del menù in alto, dentro il tuo mazzo, cerca la carta che vuoi eliminare nella lista, selezionala, clicca tasto destro del mouse, e seleziona Elimina.

Come Cercare un Vocabolo

Clicca il menù Sfoglia, e poi clicca a sinistra sul mazzo dentro il quale vuoi cercare.

come cercare vocabolo Anki

Cercando dentro il mazzo velocizzi la ricerca ed avrai meno risultati nella selezione in basso.

Inserisci poi il vocabolo che vuoi cercare cliccando nello spazio bianco dopo il nome del desk, in alto in centro.

Scrivi il nome che vuoi cercare e clicca invio.

Come Modificare un Vocabolo o Carta

Spesso e volentieri è facile fare degli errori, o voler modificare una carta successivamente.

Anzi, per studiare lingue, ti consiglierò più avanti proprio di fare modifiche continue alle tue carte.

Clicca su Sfoglia, cerca la carta che vuoi modificare, e ti vengono mostrati i suoi campi di domanda, risposta, ed altro, nella finestra della ricerca.

Scrivi direttamente dentro i campi, e fai le modifiche che vuoi , non c’è bisogno di salvare, Anki salva automaticamente mano a mano che fai le modifiche.

Quando hai finito, esci, o chiudi la finestra e continua a studiare.

Come Vedere le Carte di Oggi

Un aspetto che può esserti utile è quello di trovare subito le carte che hai aggiunto oggi, ossia nel giorno stesso che le inserisci.

Questo è comodo per vedere quante ne hai aggiunte, ma anche per fare modifiche al volo senza dover fare ricerche più lunghe.

guida come usare anki ricerca oggi

Clicca Sfoglia > Filtro > Oggi > Aggiunte oggi.

Ti viene mostrata subito la lista di tutte le carte che hai inserito in questo giorno.

Come Spostare una Carta di Mazzo

A volte è facile sbagliare ed inserire una carta in un mazzo diverso da quello che volevamo.

Di fatto, mi è appena successo, nonostante che usi Anki da anni! Ehm!

Detto questo, il procedimento è semplice ma potrebbe anche cambiare da dispositivo a dispositivo.

come spostare mazzo anki

Per fare prima, vai su Sfoglia e seleziona la carta che stai cercando.

Nei capitoli di questa guida su come usare Anki puoi trovare le spiegazioni sia di come cercare un vocabolo, sia di come trovare i vocaboli aggiunti nella giornata di oggi.

A questo punto, non devi fare altro che selezionare la tua carta a cui cambiare mazzo, cliccare tasto destro del mouse e scegliere cambia mazzo.

Dopodiché semplicemente scegli il mazzo dove vuoi mandare la carta, e clicca sposta carta.

Puoi anche selezionare più carte alla volta e spostarle tutte insieme.

Come Usare le Etichette Tag per le Lingue

Usare i Tag, od Etichette come vengono chiamate nella traduzione italiana, trovo che sia decisamente intelligente per organizzare al meglio le tue lingue.

Personalmente li uso solo per la lingua a cui sto dedicando più tempo e dove voglio fare modifiche veloci, perché le Etichette valgono per tutti quanti i mazzi che hai.

Puoi usare Etichette con il nome di: preposizione, sostantivo, aggettivo, verbo, etc.

Questo può aiutarti in futuro, se ad esempio vuoi ripassare o cercare tutte le preposizioni che hai inserito, per trovarle più in fretta e fare anche eventuali modifiche.

Quando aggiungi una carta, scrivi la tua Etichetta, o Tag, nel campo apposito, separata da una virgola se ne vuoi inserire più di una.

Per aggiungerla successivamente, od eliminarla, fai riferimento alla sezione come modificare un vocabolo od una carta.

Eliminare Rinominare Etichetta o Tag

Quando ti vuoi riorganizzare, o semplicemente quando fai un errore, è importante sapere come rinominare od eliminare un Tag, od Etichetta.

La procedura è semplice ma richiede un minimo di passaggi.

Clicca Sfoglia nel menù, seleziona il Tag nella schermata di sinistra, e seleziona tutte le parole dove vuoi cambiare o rinominare un Tag.

Se vuoi eliminare totalmente una Etichetta, allora questa non deve avere neanche una carta associata.

cancella rinomina etichetta tag

Dopo che hai selezionato tutte le parole che vuoi nella lista, fai tasto destro con il mouse sopra le parole, e clicca Rimuovi Etichetta nella finestra che si apre.

Ripeto, se vuoi eliminare completamente un Tag, od Etichetta, rimuovilo da ogni parola per lasciarlo a zero.

Ora, il tag verrà eliminato completamente solo dopo che avrai aggiornato ed ottimizzato il database.

Vai nel menù principale dell’applicazione, clicca Strumenti, e poi Controlla il Database.

A questo punto, Anki fa un breve aggiornamento, ottimizza il database, ed elimina qualsiasi Etichetta che non ha nessun vocabolo associato.

Cosa Sono gli Anki Add-on

Anki è un programma open-source dove tanti altri sviluppatori possono creare dei piccoli programmini per permetterti di fare operazioni extra che non sono disponibili nell’applicazione.

Questo argomento è indicato soprattutto per chi è già un po’ più esperto, e non è indispensabile per l’uso di Anki, a meno che non ci siano casi particolari.

Gli Add-on sono ad esempio molto utili per chi studia lingue con caratteri particolari e che magari non sono supportate da Anki nel modo preferito dall’utente.

Oppure per avere a disposizione altri controlli, come quelli che spiegherò più avanti sui colori.

Per scaricare un Add-on, semplicemente vai nel menù generale delle impostazioni di Anki, scegli Strumenti e poi Add-on.

Qui hai una finestra a disposizione dove puoi andare a visualizzare gli Add-on disponibili, scaricare quelli che vuoi, installare quelli che hai scaricato, etc.

Devi sapere però che, siccome sono creati da chiunque, potrebbero anche non essere supportati in futuro, o creare qualche problema all’app, per cui, io non mi fido molto a meno che non leggo bene prima tutto e vedo anche la risposta di altri che già usano un Add-on specifico.

Supporto Clienti Anki

Damien Elmes è lo sviluppatore che si occupa a tempo pieno dell’applicazione e risponde molto velocemente alla maggior parte delle domande che potresti avere.

Come indicato in precedenza, nella maggior parte dei casi l’app è gratuita, ed il solo prezzo dell’app per iOS serve a sostenerlo finanziariamente, mentre l’app per Android è sviluppata gratuitamente da un altro gruppo di informatici.

Essendo l’applicazione molto complessa, personalizzabile, e con una grande community, è chiaro che potrai avere tante domande per fare molte altre cose che vorresti fare con quest’app.

Puoi quindi trovare una grande documentazione in inglese nel web, ed anche varie discussioni.

Qui puoi trovare i seguenti indirizzi:

Certo, per leggere questo materiale o chiedere aiuto al supporto tecnico devi conoscere un po’ l’inglese, però c’è veramente tutto il materiale possibile!

Come Rendere Anki più Efficace

In questa sezione voglio scriverti alcuni consigli che spero ti siano utili per rendere più efficace l’uso di Anki quando studi le lingue.

E’ chiaro che ognuno può avere diverse astuzie a seconda dei suoi gusti, e di certo il modo di ottimizzare lo studio è infinito, ma io voglio qui metterti a disposizione solo alcune raccomandazioni o trucchi per meglio organizzarti.

Usa Anki Quotidianamente

Questo è un consiglio banale e scontato però è proprio così.

Anki va usato tutti i giorni, domeniche e vacanze comprese.

Questo non è obbligatorio ma io preferisco fare così, e questo ti serve per dare una maggiore continuità ai vocaboli e per evitare di ritrovarti con un mucchio di parole che poi devi recuperare quando torni dalle vacanze.

Alla fine, la revisione dei vocaboli non ti prende poi troppo tempo, e se ti organizzi bene puoi trovare presto il tuo ritmo.

Più avanti ti spiegherò meglio anche come controllare il tuo flusso ed eventualmente ridurlo in alcuni periodi.

Separa i Mazzi per ogni Lingua

Come hai visto in precedenza, Anki permette di creare dei mazzi che contengono altri mazzi, per averli in un sistema ad albero.

Ora, se studi solo le lingue, o se questo è il tuo uso principale, ti consiglio di usare un mazzo diverso per ogni lingua, in modo che sia più facile da gestire.

Ed allo stesso tempo di non creare mazzi con scritto grammatica, verbi, aggettivi, espressioni idiomatiche, e via dicendo.

Come ti ho scritto in precedenza, per questi dettagli puoi usare le Etichette, o Tag, e non creare altri mazzi indipendenti.

Creare mazzi distinti per ogni lingua ti permette anche di creare dei gruppi individuali per gestire le opzioni che vediamo poco più avanti, e che ti saranno molto utili.

Come Limitare il Numero di Nuove Carte Giornaliere

Questa funzione ti permette di utilizzare Anki in modo strategico e più equilibrato.

Spesso e volentieri, quando si inizia, si hanno dei giorni dove si inseriscono tante carte, e poi dei giorni dove non si fa niente.

Le carte poi diventano sempre di più e si accumulano in modo che può diventare abbastanza stressante se esageri.

Ma tu puoi decidere già da prima quante nuove carte studi, anche se il giorno che hai tempo ne inserisci di più.

A me questa funzione è decisamente utile, perché ci sono giorni dove ho più tempo, ed inserisco decine e decine di vocaboli, però poi so che nei giorni successivi studierò sempre lo stesso numero costante e più congeniale al mio ritmo.

E se voglio, lo posso sempre diminuire, senza dover toccare tutti i vocaboli che ho già inserito.

Per fare questo, devi prima creare un Gruppo e poi personalizzare le opzioni del gruppo.

Lo vediamo subito.

Come Creare un Gruppo di Opzioni

Se tu clicchi in un mazzo, e cambi le opzioni del numero giornaliero di carte per quel mazzo, Anki le cambia anche a tutti i quanti gli altri mazzi.

E’ come se cambiassi le opzioni generali di base, che saranno poi uguali per tutti quanti i mazzi che hai.

Se hai più mazzi, vorrai probabilmente avere delle opzioni diverse.

Ad esempio, io sto dedicando più tempo al tedesco, in questo momento, per cui mi interessa avere più nuove carte di tedesco al giorno, ma meno di inglese, francese, spagnolo od italiano.

Per questo motivo, ho creato un gruppo diverso per ogni mazzo di lingue che ho, e l’ho chiamato più o meno con lo stesso nome.

Dallo schermo principale dell’app, entra nel mazzo, clicca opzioni (di fianco a Studio Personalizzato), e poi gestisci in alto a destra, dove c’è scritto gruppo di opzioni.

limite numero nuove carte giornaliere

A questo punto nomina il tuo gruppo che vuoi usare, vai su carte nuove, e cambia il numero di carte giornaliere che vuoi avere.

Come puoi vedere, al momento, per il tedesco, ho appena deciso di limitare a 10 carte nuove al giorno.

Sembrano poche, ma fanno già 3650 carte in un anno, e fidati che non sono poche, di sicuro non lo sono per me!

Allo stesso modo, puoi creare un gruppo di opzioni diverso per ogni mazzo, oppure usare lo stesso gruppo di opzioni per più mazzi che vuoi si comportino allo stesso modo.

Come Limitare il Numero di Ripetizioni Giornaliere

Così come puoi limitare il numero di nuove carte al giorno, puoi anche limitare il numero di ripetizioni che hai per un determinato mazzo.

Questo potrebbe servire per:

  • livellare gli errori del passato
  • avere un supporto psicologico
  • ridurre per un periodo di tempo

Quando si inizia ad usare Anki, è facile inserire 100 carte il primo giorno, ed usarlo molto i primi giorni per poi rendersi conto che le carte da ripassare diventano troppe e lo stress è incalcolabile.

Sapere quante carte devi ripetere al giorno ti aiuta anche a gestirti meglio psicologicamente, perché sai già quanto sforzo puoi fare senza dover andare oltre.

Allo stesso modo ti può essere utile per modulare il tuo sforzo, diminuirlo in alcuni periodi di troppo stress, ed aumentarlo in altri periodi di maggiore disponibilità per recuperare dei precedenti arretrati.

E ti serve anche per livellare tutto il tuo database in una continuità più armonica.

Per fare questo, devi creare un gruppo di opzioni che è già stato spiegato in precedenza.

limitare numero revisioni Anki giornaliere

A questo punto seleziona il tuo gruppo di opzioni per il mazzo che vuoi modificare, e cambia il numero di carte da ripetere giornalmente.

Il tuo numero può variare di molto, anche solo 5 carte al giorno, non ci sono limiti, sei tu che decidi come meglio ti vuoi organizzare.

Fai solo attenzione a non avere troppi arretrati altrimenti la tua memoria farà un po’ più fatica a ricordarsi tutto ed alcuni carte potrebbero finire nel dimenticatoio.

Come Andare Oltre i Limiti Giornalieri

Quando hai finito di imparare le nuove carte, oppure di ripassare le altre, il mazzo finisce e ti lascia un messaggio finale.

Se hai ancora nuove carte da imparare, oppure altre da ripetere, lo vedrai nel messaggio e potrai decidere di andare oltre i limiti che hai tu stesso inserito con le opzioni che abbiamo visto in precedenza.

Anche se non vuoi andare oltre, puoi sempre usarlo per guardare a che punto sei, ad esempio quante nuove carte hai ancora da fare, oppure quanti arretrati hai.

Aumetare Limiti Giornalieri

Alla fine del mazzo, clicca su Studio Personalizzato e ti si apre una finestra con diverse opzioni:

  • aumenta il limite odierno di carte nuove
  • aumenta il limite odierno di ripetizioni

Scegli un’opzione oppure l’altra, e guarda in basso che cosa Anki ti dice.

Il programma ti fa vedere quante carte ci sono ancora da fare, e ti chiede quante ne vorresti fare in più per oggi.

Se clicchi OK, inizierai a ripassare quelle che hai aggiunto, altrimenti semplicemente ANNULLA.

Io lo uso spesso per i seguenti motivi:

  • le carte nuove che ho al venerdì
  • gli arretrati

Come ti ho indicato prima, nel limite di nuove carte per il tedesco, ne ho 10 nuove al giorno, però questo vale per tutti i giorni della settimana.

Il sabato e domenica però non ho voglia di inserire nuove carte, ma mi va bene studiarle.

Per cui verso giovedì e venerdì controllo che ci siano almeno 20 nuove carte ancora da fare in coda, così saprò che sono coperto per il weekend.

Allo stesso modo, controllo spesso gli arretrati per verificare che sto andando bene e che non sto accumulando troppe carte.

Questo mi serve anche per poter modulare al ribasso od al rialzo il limite giornaliero di ripetizioni da fare per una determinata lingua.

Cambiare il Modificatore Intervallo per Memorizzare

Se ti accorgi che il numero di vocaboli che non ti ricordi è elevato, allora puoi agire per richiamare le carte un po’ più spesso.

Prima di modificare questo elemento è importante guardare le statistiche dei tuoi dati.

Su ANKI puoi guardare le statistiche per uno specifico mazzo, e scegliere di iniziare dagli ultimi periodi od anche da tutta la sua vita.

Devi guardare le ultime finestre sui pulsanti di risposta, e come stanno andando le tue carte Mature.

statistiche memorizzazione carte mature
In queste statistiche, puoi vedere l’ultimo dato di 93.73% per le carte mature.

Se la tua percentuale è superiore al 90%, allora vuol dire che sei nella media della memoria generale e non dovresti probabilmente modificare nulla.

Però, ognuno ha le sue esigenze, e se vuoi alzare questa media, ecco il modo per farlo.

La formula da calcolare è semplice: Log ( % memorizzazione desiderata) / Log ( % memorizzazione attuale) 

Ossia, se hai una memorizzazione attuale di 86% e vuoi alzare alla media normale di 90%, devi applicare la formula:

Log (90%) / Log (86%) = 0.69 (69%)

Puoi usare semplicemente questa ricerca Google per calcolare la cifra: log(90%) / log(86%)

A questo punto, apri ANKI, vai nel tuo mazzo, opzioni, Ripetizioni, Modificatore intervallo, e cambi il valore di 100 al valore di 69.

modificatore intervallo anki memorizzare carte mature

Con questo cambio, vedrai le carte mature più spesso, e nel lungo periodo dovresti gradualmente migliorare la tua percentuale di memorizzazione verso il valore desiderato.

Usa Colori Diversi

In alcuni casi, potrebbe esserti utile usare dei colori diversi per meglio memorizzare a livello visivo una lingua.

Questo chiaramente dipende dal tuo modo di imparare e da come preferisci studiare.

come usare Anki cambia colore

Per cambiare colore, clicca l’icona arcobaleno, e poi usa la finestra pop-up che si apre di fianco.

Ti consiglio di usare sempre la stessa logica di colori per qualsiasi cosa impari, in modo da avere una connessione sempre maggiore e non creare inutili confusioni.

Puoi anche aggiungere degli Add-on per usare degli shortcut in modo da inserire i colori più velocemente.

Questo è spiegato nel capitolo di cosa sono gli Add-on, ed io utilizzo Quick Colour Changing per inserire il colore, ma devo ammettere che è un po’ complicato da usare, ed ha alcune limitazioni.

Fai Aggiustamenti Continui alle Carte

Ti consiglio di cambiare le carte mano a mano che procedi nello studio della lingua.

Ovviamente non devi farlo sempre, ma se studi in modo regolare, ti consiglio di farlo spesso.

Mano a mano che il tuo rapporto con la lingua migliora, imparerai sempre cose nuove di vocaboli, verbi e regole grammaticali.

A questo punto aggiungile agli esempi che hai già, rafforza il retro della tua carta in modo da avere più esempi di come si usa un determinato vocabolo.

Quando conoscerai meglio la lingua, probabilmente imparerai molto bene ad usare una determinata preposizione, ma ad un certo punto vedrai un modo che ti sembra strano e che ancora non conosci.

Copialo ed aggiungilo alla carta dove avevi inserito quella preposizione per ricordartelo in futuro.

Un altro particolare di un verbo, un dettaglio, un approfondimento storico, aggiungi tutto, e continua a migliorare sempre di più le tue carte, aggiungendo quello che non sai, e se vuoi, eliminando quello che ormai dai per scontato.

Le carte sono un processo dinamico, usale in questo modo, dagli movimento continuo.

Crea Filastrocche per Memorizzare Meglio le Sequenze

Se vuoi memorizzare, ad esempio, delle regole grammaticali che a volte sono un po’ più complicate, ti puoi inventare delle filastrocche, delle storie o dei semplici agganci mentali.

Ti faccio degli esempi semplici, senza però approfondire gli argomenti grammaticali di cosa ti sto spiegando ma solo per farti capire.

Questo giusto per darti un’idea, o degli spunti che puoi utilizzare per facilitare la tua memorizzazione delle carte, o delle regole più complesse.

Esempio di Aggancio Mentale

In tedesco, generalmente si usa il caso accusativo per i verbi di moto ed il caso dativo per i verbi di stato, all’inizio può essere molto facile fare confusione, come faccio a ricordarmi questa regola grammaticale?

Per me è semplice, ho fatto un aggancio mentale con la parola Accusativo, che mi rimanda al verbo accusare, e mi fa pensare ad un poliziotto che accusa una moto per andare troppo veloce.

Fine, non devo più pensare ad altro, ormai so per certo che con i verbi di moto uso il caso accusativo, e con gli altri il dativo.

Esempio di Anagramma

In tedesco ci sono delle preposizioni che si utilizzano solo con il caso accusativo, se volessi ricordarmi quali sono come faccio?

Ho preso le iniziali di ogni preposizione e deciso di fare un anagramma che avesse senso per me.

E venuto fuori: WebDogFu

Web è una parola che rappresenta internet, per me ha un senso.

Dog vuol dire cane in inglese.

Fu è la parte finale della parola Kung Fu e me la ricordo bene.

Puoi creare degli anagrammi che vuoi, l’importante è che siano significativi per te.

Ti ricordi l’esempio dell’aggancio mentale di prima? Per me l’accusativo è sempre legato ad un poliziotto che accusa qualcuno o qualcosa, in questo caso il cane che fa Kung Fu in un luogo non appropriato.

Le preposizioni sono poi:

  • Wider
  • Entlang*
  • Bis
  • Durch
  • Ohne
  • Gegen
  • Für
  • Um

Inserisci nella tua carta gli anagrammi per meglio ricordarteli nel futuro.

Gli anagrammi possono essere cambiati perché spesso studi delle regole in un libro, e poi. un altro ti dice qualcosa in più.

Ad esempio, in questo caso, pare che la preposizione Entlang si possa usare sia come accusativo che dativo, però io ancora non ho la sicurezza di questo perché non l’ho ancora studiato, per cui per ora la lascio così, quando sarà il momento di verificare se cambiarla o meno, posso sempre arricchire l’anagramma con una storia collegata.

Esempio con Filastrocca

Le filastrocche sono delle storie che ti possono aiutare a ricordare meglio le cose.

Crea queste storie con degli agganci che servono a te, non pensare ad un senso logico, ma pensa piuttosto a ciò che ti ispira su ciò che ti vuoi ricordare, e come costruire la storia in modo pazzo, divertenente, emozionale, colorato, e così via.

A volte una parola ti può far venire in mente un suono, oppure un’altra parola straniera, od un pezzo di un’altra parola, non pensare in modo troppo razionale, ma sviluppa la tua creatività.

Vediamo un esempio particolare.

In tedesco, una serie di verbi si forma attaccando una particella alla radice del verbo, come ad esempio vedere e RIvedere (RI si attacca alla radice del verbo vedere)

Alcune particelle di questi verbi si possono staccare, altre invece non si possono staccare, e così via, come faccio a ricordarmi quelle che non si possono staccare, se volessi?

Le particelle in questione sono:

  • Miss
  • Ent
  • Be
  • Ver
  • Ge
  • Zer
  • Er
  • Emp
  • Hinter*

Vediamo cosa mi fanno venire in mente queste particelle:

  • Miss: una principessa o ragazza molto aristocratica
  • Ent: mi ricorda il suono Ant inglese che significa formica
  • Be: mi ricorda la frase be or not to be, e mi fa venire in mente il teschio
  • Ver: che si pronuncia quasi For, mi fa venire in mente un concessionario Ford
  • Ge: mi fa venire in mente Genova
  • Zer: mi va venire in mente Zorro
  • Er: mi fa venire in mente Roma
  • Emp: mi ricorda la parola inglese Empty, vuoto, e mi fa venire in mente un grande buco vuoto
  • Hinter: mi fa venire i mente la parola Hitler

Che strano vero? Ora guardiamo la storia creata:

filastrocche per memorizzare vocaboli

Dal mio giardino, una grande femmina formica aristocratica, insomma una belle formica principessa (Miss Ent), scava e trova un bellissimo teschio (Be), va al concessionario Ford (Ver) dove la mia ex-ragazza aveva comprato una Ford, ne ruba una e scappa fino a Genova (Ge), dove c’è Zorro (Zer) che la aspetta sopra un battello. Si imbarcano con il teschio e vanno fino a Roma (Er), ma invece della città trovano un grande buco vuoto (Emp), scendono scendono fino a trovare Hitler (Hinter) che gli urla addosso, gli riempie di botte, ruba il teschio, e scappa…

Lo so, lo so, si può fare di meglio, ma io ora me le ricordo tutte le particelle adesso 🙂

Ah! Ricordati di visualizzare la tua storia ad occhi chiusi e renderla il più emozionante possibile.

Guida Come Usare Anki (Conclusioni)

Siamo arrivati alla fine di questa lunga guida su come usare Anki e spero proprio che ti sia piaciuta e soprattutto utile.

Questo Anki tutorial italiano ti può servire per imparare le lingue in modo più effettivo, mano a mano che le studi, usando sempre questa ottima applicazione.

Essendo il programma molto complesso, puoi poi dedicare del tempo per aprrofondirlo ulteriormente e fare tutti i cambiamenti che vuoi.

Ma se non hai tempo o voglia di approfondire, non ti preoccupare, tutto ciò che c’è scritto qui dovrebbe esserti più che sufficiente per usarla al meglio.

Prima inizi meglio è, e se sei giovane e stai iniziando a studiare le lingue, ti consiglio vivamente di iniziare subito.

Ti costruirai un vocabolario incredibile con il passare degli anni, e senza neanche fare troppa fatica.

Se usi Anki come tuo compagno di scuola, ti posso garantire che diventerai molto più forte nella comprensione di una o più lingue con il semplice passare degli anni.

Se hai qualche domanda o suggerimento, ti risponderò volentieri nei commenti qui sotto.

E ricordati che puoi condividere questa guida su come usare Anki, sia con i tuoi amici che nei tuoi social network, e fare un piacere sia a me che ho dedicato molto tempo a prepararla, sia a tutti coloro che studiano lingue in modo efficace.

E se vuoi puoi anche seguirmi nei vari social network e su Feedly per sostenere il mio blog.

9 pensieri riguardo “Guida Completa Come Usare Anki 2019 – Strategie per Studiare Lingue

  1. Ciao Davide, complimenti per la guida, veramente esaustiva!
    Ho solo un dubbio: esiste un modo per far invertire ciclicamente l’ordine in cui Anki ti propone le carte?
    Ossia farti vedere prima la traduzione, da cui poi devi ricordarti la parola nella lingua da studiare. Oppure farti vedere prima l’esempio, da cui ricordarsi il significato.
    Alcune app SRS lo fanno automaticamente e trovo sia utile per la memorizzazione.
    Grazie in anticipo!
    Giulio

    1. Ciao Giulio, si, si chiamano reverse cards. Quando aggiungi una carta, invece di lasciare l’opzione su Basic nel campo “Tipo”, clicca e scegli l’opzione Basic and Reversed Card. È vero che può essere utile, ma è anche vero che raddoppia le carte inserite e quindi il carico di lavoro.

      1. Ciao Davide, scusa se ti rispondo solo ora, non mi era arrivata la notifica.

        Comunque se ho capito bene con questo metodo anki ti propone due volte la stessa carta giusto? prima normale e poi girata?
        Non c’è un modo per far si che semplicemente ti proponga la carta a volte girata a volte no, senza raddoppiarla?
        Grazie in anticipo!

      2. Ciao Giulio, non ne ho idea. Probabilmente c’è un modo per gestire anche una cosa del genere in modo manuale ma bisogna addentrarsi in impostazioni che non ho mai utilizzato.

  2. Ciao vorrei saper se c’è un’applicazione sicura che consente di rallentare la velocità con quale Anki”legge” la carta e come fare ad usarla. Grazie. Roberto

    1. Ciao Roberto. Non sono sicuro di capire esattamente cosa intendi per rallentare la lettura della carta. Forse ti riferisci al rallentamento dell’audio quando questo è inserito? Bisogna guardare negli add-ons e vedere se magari ci sono commenti positivi di altri per essere sicuri che l’add-on è stato fatto in maniera corretta.

commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.